homepagehomepage
cos'è e cosa fa cittadellarte
  • cittadellarte
  • i nuclei operativi di cittadellarte
  • uffiZi
  • progetti ed eventi per una trasformazione sociale responsabile
  • attività
  • il giornale di cittadellarte
  • news
  • galleria multimediale
  • media
  • cerca
  • 3° Rebirth Forum
    Geografías de la Transformación
    3° REBIRTH FORUM
    SALÓN DE REUNIONES DEL GRAN TEATRO DE LA HABANA ALICIA ALONSO
    L'AVANA - CUBA, 22 - 24 NOVEMBRE 2016
     
     
    Dopo un anno di lavoro, il cui inizio è stato contraddistinto dalla celebrazione del Primo Forum Rebirth “Geografie della Trasformazione”, e dal successivo adempimento degli accordi stipulati durante lo stesso, il Ministero per la Cultura, i rappresentanti delle Nazioni Unite a Cuba, Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, l’Ambasciata del Rebirth/Terzo Paradiso a Cuba e ARTE CONTINUA invitano a un nuovo evento: il Terzo Forum Rebirth che avrà luogo dal 22 al 24 novembre, nel Gran Teatro dell’Avana.


     
    KEYWORDS: orizzontalità, incubatrice, umanesimo, rete, istruzione, formazione, diversità, alimentazione, comunicazione, trinamica, demopraxia, resilienza, rispetto.
     

     
     
     
    PRIMO FORUM REBIRTH 2015

    Quasi esattamente un anno fa, dal 24 al 26 novembre del 2015, si è svolto a L'Avana il Primo Forum Rebirth. L’iniziativa, prima del suo genere al mondo, è stata avviata da Cittadellarte-Fondazione Pistoletto e dall’Ambasciata del Progetto Rebirth/Terzo Paradiso a Cuba, con l’appoggio del Ministero per la Cultura e della delegazione dell’ONU nel paese stesso. Il suo nome, “Geografie della Trasformazione”, ha rappresentato la volontà di trasformare Cuba nel centro di una trasformazione responsabile della società globale, che si fonda sulla metodologia trinamica implicita nel simbolo del Terzo Paradiso ed è relazionata ai 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, facenti parte dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sradicamento dei problemi più urgenti dell’umanità.
    Dopo tre giorni di dibattito favorito dalle attività promulgatrici di Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, si è giunti alla creazione di un Cantiere permanente, che ha incluso protagonisti del mondo culturale di impatto sulla vita quotidiana del paese e che ha previsto un anno di lavoro congiunto. I metodi di lavoro delineati, hanno avuto l’obiettivo di raggiungere una confluenza multipla e una condivisione delle conoscenze ed esperienze che sono orientate in qualsiasi senso e in qualsiasi circostanza, al tracciato di una geografia di tutte le possibilità, non definita in termini di punti cardinali, bensì di territori emergenti dall’interazione trinamica che, sotto il segno del Terzo Paradiso, generano la creatività, la partecipazione e il contagio della volontà generatrice di buone pratiche, preservate e veicolate dall’arte finalizzata alla fruizione e beneficio di tutti.
    Dal 24 al 26 novembre 2015 l’arte si è rivelata ancora una volta uno spazio propizio per molteplici incontri, un mezzo per la creazione di conoscenze sulla realtà e una istanza mobilizzatrice per l’azione trasformante.
    Su tali basi ha iniziato a costruirsi collettivamente un modello di azione congiunta, basato sul principio dell’attività in rete.
    Il processo stesso di formazione pratica ha presupposto i seguenti problemi da risolvere: Come organizzare un monitoraggio costante? Come mantenere una comunicazione che oltre a metterci in contatto, ci permetta di rendere oggettivo lo sguardo critico sulle nostre modalità di procedere? Come orientare gli accordi del Primo Forum Rebirth utilizzando il metodo trinamico senza disdegnare le risorse apportate dalle strategie di attività esistenti o già impiegate? Come non perdersi nell’ecumenismo?
     
     
    GLI ACCORDI RISULTANTI DAL PRIMO FORUM REBIRTH SONO STATI:
    Realizzare una cartografia che comprenda le istituzioni e le iniziative private con l’obiettivo di formare una rete di attività collettiva locale.
     Inclusione nella rete di nuovi attori provenienti da aree di pratiche intellettuali, di ricerca e di politica, ben oltre la sfera artistico-culturale e umanistica che avviano anche attività volte alla sostenibilità.
     Creare un osservatorio che effettui il monitoraggio del lavoro pratico e di ricerca della rete.
     Offrire maggiore visibilità alle azioni e alle pratiche impiegate: quelle già realizzate e quelle da realizzare in futuro.
     Necessità di impostare le attività della rete come processi endogeni.
     Pensare alla scuola (primaria, secondaria, insegnamento pre-universitario e presso i politecnici) come spazio in cui i metodi della trinamica possono essere insegnati e applicati.
     Condividere conoscenze, esperienze per raggiungere una visione olistica della realtà e far nascere nuovi processi di conoscenza e azione.
     Realizzare un nuovo Forum Rebirth-Geografie della Trasformazione a distanza di un anno per discutere i risultati del lavoro congiunto durante lo stesso e dove partecipino non solo gli invitati in occasione del primo, bensì anche le iniziative aggiunte successivamente.
     Concepire il prossimo forum come una meta temporanea per l’avviamento dei progetti generati, ma non come un prodotto finale perché ciò che è realmente importante sono i processi delle attività che vengono elaborati.
     Concepire i microspazi (come il quartiere, la comunità) come aree di impatto immediato di tutte le attività.
     Sfruttare l’esperienza, le potenzialità e le strutture delle Case di Cultura per svolgere l’attività dell’Officina ed avere un impatto diretto sulla comunità.
     
     
    PERCHÉ UN TERZO FORUM?
    Il nuovo evento che avrà luogo a L'Avana è il secondo in questa sede, ma il terzo a livello mondiale.
    La città di Milano ha celebrato a marzo 2016 un Forum Rebirth, che ha utilizzato come riferimento organizzativo e concettuale l’esperienza nella capitale cubana del 2015; è passato già un anno. È così che il Terzo Forum Rebirth assume un carattere territoriale nella cartografia globale dell’arte generata dal punto di incontro tra l’autonomia e la responsabilità. La prima, in quanto eredità della modernità illustrata, è stata elaborata durante la seconda metà del secolo scorso come condizione della possibilità della seconda. Viene creata quindi l’idea di un’arte che si fonde nelle relazioni sociali, prende la forma delle cose di cui dispone, si attiva nei diversi contesti nei quali avviene e insieme con le altre facoltà fondamentali dello spirito umano, plasma la mente scientifi ca, l’intelligenza emotiva e sociale, il senso delle proporzioni, dell’armonia, ecc… una varietà di forme e modi di vivere nel mondo, modalità e forme localizzate e universali, specifiche e generali, effimere e persino, in un certo modo, immortali, perché rimangono nella memoria e nell’identità di quelli che le applicano non passivamente, bensì creando percorsi attivi.
    In questo modo il simbolo del Terzo Paradiso si consuma come il ventre procreatore dell’umanità.
     
    OBIETTIVI / PARTECIPANTI
    Il Forum riunisce gli esponenti dell’ambito della ricerca universitaria di Cuba, insieme ai rappresentanti delle istituzioni pubbliche nazionali e locali e ai gestori dei progetti culturali di impatto a livello microscopico. Il Forum si sviluppa in collaborazione con le Nazioni Unite, dato che la lista dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, e le loro 169 mete, costituiscono il fulcro degli argomenti da trattare.
    Verrà posto l’accento su tre grandi macro-tematiche: alimentazione, istruzione e diversità. Queste ultime saranno interconnesse e saranno sviluppate integrando un’altra serie di tematiche con le quali si legano tramite la cultura.
    Per tendere un ponte tra l’evento passato e quello attuale si avvierà, il primo giorno del Forum, l’azione di ricostruire il simbolo del Terzo Paradiso in base ai dati allegorici dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile sui quali è stato realizzato l’incontro del 2015. A questo fine si richiederà che le istituzioni e i progetti portatori degli stessi facciano un tributo a questo gesto simbolico di riunificazione, dopo un anno di lavoro, presentando il loro cubo. Non costituisce un limite per l’inclusione di nuovi attori e invitati al Terzo Forum Rebirth; la loro presenza esemplifica lo sforzo moltiplicatore implicito della teoria trinamica conduttrice del processo attivatore iniziato con l’incontro dell’anno anteriore. Verrà richiesto un contributo, da parte dei protagonisti legati al Cantiere risultante dal Primo Forum, di documentazione in formato stampato delle azioni correlate al Progetto Rebirth/ Terzo Paradiso, concluse o in corso d’opera durante il periodo intercorso tra i forum. Questo sarà un importante strumento per la commemorazione collettiva nella storia delle nostre collaborazioni.
     

     
     
     
     
     
     
    fotogallery
    links
    Sede dell'Ambasciata Rebirth/Terzo Paradiso a Cuba:
    Espacio Arte Continua
    Rayo 108 entre Águila y Dragones, Barrio Chino, Centro Habana.

    www.geographiesofchange.org
    www.terzoparadiso.org
    www.galleriacontinua.com
    www.facebook.com/cantierehabana